Vi ho chiamato amici

1046248431078Accade nella nostra vita che alcune persone inizino a diventarci più care, inizino ad esserci più vicine e chiamiamo questi rapporti “amicizia”. Vediamo poi questi rapporti andare e venire nel tempo, esser più o meno liberi e più o meno consapevoli. La pagina del Vangelo di oggi introduce un termine di paragone importante per ciascuno di noi. Anche in questi rapporti più cari è difficile vivere come ha fatto il Signore, con quella libertà di chi non teme di perder nulla, con quella libertà di chi crede nella semplicità di quei rapporti che sussistono solo nella misura in cui sono veri.

Testo completo: 20160417 IV di Pasqua

 

Posted in Omelie | Comments Off on Vi ho chiamato amici

La testimonianza è vera?

diploma-dirigente-di-comunita-privatistiTitubanti nel nostro prendere scelte decisive, incastrati in una vita in cui sembra che la comodità sia il metro di giudizio, non ci resta che affidare il nostro vivere quotidiano alle nostre impressioni. Questo inevitabilmente produce incertezza nel nostro agire. Solo chi è sicuro di avere un porto in cui comunque riuscirà a tornare si avventura nel mare aperto per scoprire in cosa consiste la sua vita.

Testo completo:  20160410 III di Pasqua

Posted in Omelie | Comments Off on La testimonianza è vera?

Siamo tutti un po’ Tommaso

5-doubting-thomas-coloring-page1Come la certezza nei genitori e negli amici più cari si costruisce passo dopo passo, istante condiviso dopo istante condiviso così anche quella con il Signore segue le stesse dinamiche umane.
La vicenda di Tommaso mette in guardia ciascuno di noi su due aspetti: se vogliamo che la nostra vita non vada persa occorre che da subito prendiamo sul serio le occasioni che possono farci crescere nel rapporto con il Signore; occorre poi che ciascuno di noi rispetto alle persone più care arrivi davvero a fidarsi, possa trovare persone nelle quali davvero confidare, con le quali esser se stesso e non temere di essere raggirato.

Testo completo: 20160403 II di Pasqua

Posted in Omelie | Comments Off on Siamo tutti un po’ Tommaso

Veramente amico parte dal nostro errore

pasqua_2013_gesu_risortoAmico perchè Gesù in questo triduo svela chi è veramente l’amico per ciascuno di noi. Vi ho chiamato amici perchè vi ho detto tutto, con questo appellativo nel Vangelo di Giovanni il Signore si rivolge ai suoi discepoli. Tutto vuol dire il significato delle sue azioni ma soprattutto tutto è il suo donarsi incondizionato per ciascuno di noi.

Testo completo: 20160327 Pasqua

Posted in Omelie | Comments Off on Veramente amico parte dal nostro errore

eucarestia e tradimento

ultima_cenaUn paradosso però deve farci vivere la nostra vita sereni, anche dal male che Giuda può aver compiuto sgorga un bene inesorabile per quelli che confidano nel Signore. Infatti vediamo che il gesto di Giuda da il via all’escalation finale con la quale i sacerdoti del tempo ottengono il loro risultato. Non riescono però ad impedire al Signore di lasciare per sempre la sua presenza in quel semplice gesto del pane e del vino dati a noi come suo corpo e sangue perchè per millenni la vita di milioni di persone possa sperimentare la stessa compagnia che hanno vissuto quei 12 uomini quella sera.

Testo completo: 20160324 Coena Domini

Posted in Omelie | Comments Off on eucarestia e tradimento

Entriamo a Gerusalemme

IMG0000327Nella seconda pagina evangelica associata alla festa di oggi Gesù torna a mangiare dall’amico Lazzaro e riceve da Marta un dono immenso suscitando l’invidia e il fastidio di quelli che ha intorno, primo tra tutti Giuda. Trecento denari di profumo vengono utilizzati per rendergli omaggio un enormità rispetto all’economia del tempo, un enormità che con la scusa dei poveri Giuda avrebbe voluto per se. Le affermazioni di chi è preoccupato del proprio tornaconto sembrano anche ragionevoli, sembrano intaccare la certezza che le persone del tempo avevano sul Signore. Eppure nascondono ancora una volta un’opposizione a Dio che poco ha da spartire con l’attenzione all’altro. Facendosi scudo di frasi che possono suscitare anche indignazione si vuole screditare il modo di agire del Signore e ottenere qualcosa per se. E il Signore coglie questa occasione per rinnovare l’invito a non sprecare questa occasione di stare con lui, a non gettare via il tempo e a non rimandare continuamente il nostro rapporto con lui perché potremmo non avere poi tempo.

Testo completo: 20160320 Domenica delle Palme

Posted in Omelie | Comments Off on Entriamo a Gerusalemme

Il pianto per l’amico

5904Perché non c’era, perché ha lasciato morire il suo amico… Forse quel rapporto non era così vero… Forse Gesù non è in fondo quello che dice di essere. Ma Lui li stupisce, ringrazia il Padre e chiama Lazzaro fuori dal sepolcro. È questo gesto d’amore nei confronti di Lazzaro e di tutti gli increduli che aveva intorno gli costa la vita e si trasformerà nell’estremo gesto d’amore a cui ormai siamo prossimi. Proprio di fronte a questo segno, tra i più grandi che Lui compie, sacerdoti e farisei decidono che è giunto il tempo di eliminarlo per non perdere quei beni e quei vantaggi di cui, fino ad allora, avevano goduto. Nulla conta il bene, nulla conta l’attenzione agli altri, nulla conta il parere di coloro che lo seguivano. Lasciarlo vivo è troppo pericoloso e allora meglio finire lì!

Testo completo: 20160313 V Quaresima

Posted in Omelie | Comments Off on Il pianto per l’amico

un dono così grande che nessuno può cancellare

cieco_nato_da_colorare_6La stessa disponibilità non si può riscontrare nei suoi contemporanei, persino i genitori per timore dei farisei, per timore del giudizio dei propri amici e vicini, scaricano su di lui la responsabilità di testimoniare quanto è accaduto.

Ma la certezza di quel ragazzo per quello che ha incontrato è incrollabile. Non teme di testimoniare quanto è accaduto. Non ha un giudizio definito con tutti i nessi causa effetto. Sa solo che ora ci vede, sa solo che quell’uomo ha cambiato per sempre la sua vita e questo testimonia.

Nulla può l’invidia di sacerdoti e farisei, nulla può il tentativo di discredito nei suoi confronti perché lui è così certo che nulla può mutare questa certezza.

Testo completo: 20160306 IV Quaresima

Posted in Omelie | Comments Off on un dono così grande che nessuno può cancellare

nonostante tutto liberi

il-sacrificio-di-isacco-2-b3400.jpgNon si salva chi non crede e giudica. Lo dice subito dopo, chi non crede in Lui, chi non è libero di seguire quello che vede resta inevitabilmente schiavo del giudizio che altri hanno su di lui e lui stesso giudica secondo la propria misura quello che vede.

Il giudizio invece che propone il Signore non è un etichetta che si appiccica a propria discrezione, lui non giudica, propone una vita e chiede di stare con lui, di camminare, di sperimentare la letizia che ne scaturisce e vedere che cosa la vita propone a ciascuno di noi.

Allora questa domenica vuole farci fare un passo decisivo: nonostante tutto liberi!

Testo completo: 20160228 III Quaresima

Posted in Omelie | Comments Off on nonostante tutto liberi

Affanno…

Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello. Sia invece il vostro parlare: “Sì, sì”, “No, no”; il di più viene dal Maligno»

Martedì II settimana di Quaresima, rito ambrosiano

Quanto affanno nasce dal pensare di poter determinare noi il nostro destino, quanti tentativi di mediazione nascono da questo. La certezza invece nasce dal nostro libero affidamento ad un Altro.

Posted in Brainstorming, Quoting | Comments Off on Affanno…